Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

link alla pagina delle scadenze

link alla pagina del modello

link alla pagina della normativa

Numero Verde CAF COLDIRETTI: 800730730

 

CAF Coldiretti S.r.l.
Sede legale :
Via XXIV Maggio, 43
00187 Roma
Sede operativa :
Via Nazionale, 172
00184 Roma
Tel 06/69772820-21
Fax 06/69772836
e-mail: caf@coldiretti.it

Dove puoi trovare un ufficio del Caf Coldiretti >>

Skip Navigation LinksCAFColdiretti > Servizi > Detrazioni

Detrazioni

Detrazioni

Modello da presentare al sostituto d’imposta per richiedere le detrazioni per i familiari a carico

I lavoratori dipendenti e i pensionati che intendono beneficiare delle detrazioni per i familiari a carico devono, a decorrere dal 1° gennaio 2008, presentare annualmente apposita richiesta al datore di lavoro o all’Ente pensionistico.

Al fine di agevolare i pensionati alcuni Enti previdenziali hanno previsto la possibilità di presentare tale richiesta tramite i CAF o altri soggetti abilitati.

Il Caf Coldiretti avendo stipulato apposite convenzioni con l'INPS, l’INPDAP e l’IPOST offre assistenza gratuita ai pensionati di tali Enti per la compilazione e la trasmissione telematica della richiesta.

Per qualunque informazione rivolgiti agli uffici del Caf Coldiretti.

Per saperne di più...

La finanziaria 2008 ha apportato alcune modifiche all’art. 23, comma 2, lett. a), del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600.

In particolare la novità è costituita dal fatto che, a decorrere dal 1° gennaio 2008, i lavoratori dipendenti e i pensionati sono tenuti a dichiarare annualmente al sostituto d’imposta di avere diritto alle detrazioni per familiari a carico, di cui all’art. 12, e alle detrazioni, di cui all’art. 13 del T.U.I.R (D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917), indicando le condizioni di spettanza nonché il codice fiscale dei soggetti per i quali si intende usufruire delle detrazioni, fermo restando l’obbligo di comunicare tempestivamente le eventuali variazioni che incidono nella determinazione delle detrazioni spettanti.

In sostanza, a differenza di quanto avveniva in passato, la dichiarazione per la richiesta delle detrazioni deve essere presentata anno per anno, ancorché non siano intervenute variazioni nei presupposti del diritto.

Tuttavia l’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 15 del 5 marzo, 2008, ha chiarito che gli elementi di novità riguardano soprattutto le detrazioni per i familiari a carico, atteso che la spettanza delle detrazioni di cui all’art. 13 del T.U.I.R., essendo collegate a situazioni oggettive (es. qualità di dipendente o di pensionato del sostituito), devono essere riconosciute dai sostituti di imposta sulla base del reddito erogato, anche in assenza di una specifica richiesta da parte del percipiente.

Al contrario, per le detrazioni per familiari a carico, la richiesta annuale è condizione essenziale per il loro riconoscimento. Di conseguenza, il datore di lavoro o l’Ente pensionistico, in relazione a ciascun periodo d’imposta, devono richiedere rispettivamente al lavoratore o al pensionato, di comunicare entro un termine stabilito le condizioni di spettanza, nonché il codice fiscale delle persone per le quali si intende fruire delle detrazioni per carichi di famiglia.

Qualora il lavoratore o il pensionato non provvedano ad inviare detta comunicazione entro il termine indicato nella richiesta, il sostituto d’imposta, a partire dal mese successivo, non potrà più riconoscere le detrazioni fiscali per carichi di famiglia e provvederà a recuperare le detrazioni dello stesso tipo attribuite al sostituito prima della scadenza del termine previsto per la presentazione della richiesta.

Per qualunque informazione rivolgiti agli uffici del Caf Coldiretti.